3slide_3_2.jpggeneric1000 330 65
slide_3_10.jpg1000 330 103generic3
slide_3_8.jpg1000 330 83generic3
1000 330 35genericslide_3_14.jpg3
3slide_3_1.jpg1000 330 99generic
1000 330 86genericslide_3_0.jpg3
31000 330 84genericslide_3_3.jpg
slide_3_16.jpggeneric1000 330 703
1000 330 83genericslide_3_7.jpg3
generic1000 330 80slide_3_5.jpg3
generic1000 330 83slide_3_13.jpg3
slide_3_15.jpggeneric1000 330 413
3slide_3_11.jpggeneric1000 330 67
slide_3_9.jpg1000 330 110generic3
slide_3_12.jpg1000 330 51generic3
slide_3_4.jpg1000 330 65generic3
slide_3_6.jpg1000 330 77generic3
la certosa
Comunemente conosciuta come 'Certosa di Padula', la Certosa di San Lorenzo, che si trova ai piedi della collina dove sorge il paese di Padula, è un monastero medievale tra più grandi nel mondo, Patrimonio dell'Umanità dal 1998.
La costruzione, a partire dal 1306, fu voluta e finanziata dal conte di Marsico e signore del Vallo di Diano Tommaso Sanseverino, che aveva acquistato dall'Abbazia di Montevergine un'antica grància già dedicata a San Lorenzo, nucleo originario del grandioso complesso monastico.

Si estende su un'area di 52.000 mq, con una superficie coperta di 30.000 mq, ha 320 stanze, 500 porte, 550 finestre,13 cortili, 100 camini e 41 fontane.

E poiché la regola certosina predica nell'arco del giorno sia il lavoro che la contemplazione, nella Certosa coesistono con il tranquillo chiostro, la biblioteca (pavimento di ceramica di Vietri) e la Cappella decorata da preziosi marmi, una grande cucina - dove, la leggenda narra, fu preparata una frittata di 1.000 uova per Carlo V - ampie cantine con enormi botti, le lavanderie e intorno i campi coltivati da cui si producevano vino, olio di oliva, frutta e ortaggi per il vitto dei monaci, oltre che per il commercio con l'esterno.
Distanza dal villaggio: 85 km circa (google maps)