1000 330 77genericslide_3_6.jpg3
3slide_3_11.jpggeneric1000 330 67
slide_3_4.jpggeneric1000 330 653
generic1000 330 86slide_3_0.jpg3
31000 330 51genericslide_3_12.jpg
3slide_3_3.jpggeneric1000 330 84
1000 330 65genericslide_3_2.jpg3
3slide_3_13.jpg1000 330 83generic
slide_3_10.jpg1000 330 103generic3
1000 330 41genericslide_3_15.jpg3
3slide_3_14.jpg1000 330 35generic
generic1000 330 83slide_3_7.jpg3
3generic1000 330 110slide_3_9.jpg
3slide_3_1.jpg1000 330 99generic
slide_3_5.jpggeneric1000 330 803
1000 330 83genericslide_3_8.jpg3
31000 330 70genericslide_3_16.jpg
paestum

Anche l'area archeologica di Paestum, una delle più importanti d'Europa, è Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.

Si chiamava Poseidonia - città di Nettuno - la colonia fondata alla fine del VII secolo a.C. da greci di Sibari, che divenne ben presto ricca per i commerci legati al mare e all'agricoltura. Paestum è invece il nome che le fu dato quando, dopo alterne vicende, divenne nel 273 a.C. colonia di Roma.

Dominano le rovine di Paestum i tre magnifici templi dorici (costruiti fra il VI e ill V secolo a.C.), che si levano all'interno della cerchia, ancora intatta, delle mura fortificate lunga quasi cinque chilometri: il Tempio di Nettuno o Poseidonion, la Basilica o Tempio di Hera o Giunone e il Tempio di Cerere o Atena.
Notevoli anche i monumenti architettonici di epoca romana.

Dimenticata per molti secoli, Paestum fu riscoperta quasi contemporaneamente a Pompei ed Ercolano, nella seconda metà del 700, grazie all'apertura della strada rotabile, sotto Carlo di Borbone.

Il Museo Archeologico Nazionale di Paestum, non lontano dagli scavi, raccoglie materiali e suppellettili rinvenuti nella città, nelle necropoli dei dintorni e nel Santuario di Hera alla foce del Sele. Tra tutti spiccano gli affreschi della celebre Tomba del Tuffatore, costruita tra il 480 e il 470 a.c., uniche testimonianze del genere dell'epoca greca.
Distanza dal villaggio 45 km circa (google maps)