slide_3_9.jpg1000 330 1103generic
1000 330 80generic3slide_3_5.jpg
1000 330 65generic3slide_3_4.jpg
generic31000 330 35slide_3_14.jpg
slide_3_1.jpg1000 330 993generic
1000 330 51generic3slide_3_12.jpg
slide_3_13.jpg1000 330 833generic
generic31000 330 83slide_3_7.jpg
1000 330 67generic3slide_3_11.jpg
slide_3_3.jpg3generic1000 330 84
generic31000 330 65slide_3_2.jpg
slide_3_16.jpg3generic1000 330 70
slide_3_6.jpg1000 330 773generic
1000 330 83generic3slide_3_8.jpg
slide_3_0.jpg1000 330 863generic
generic31000 330 41slide_3_15.jpg
1000 330 103generic3slide_3_10.jpg
gli scavi di velia
Velia è il nome romano della città greca di Elea, fondata intorno al 540 a.C. dai profughi di Focea, nell'Asia Minore, caduta sotto il dominio persiano di Ciro.
Gli eleati, che vivevano 'bene' con la pesca e il commercio, difesero con forza la loro grecità e continuarono a usare la lingua greca anche sotto l'impero romano.
A Velia, pochi decenni dopo la fondazione della città, Parmenide (discepolo di Senofane di Colofone) e Zenone, padri del pensiero idealistico, fondarono la scuola di pensiero 'eleatica' - famosa in tutto il mondo greco occidentale - che diede grande sviluppo alle scienze mediche e matematiche. I due filosofi dotarono inoltre gli eleati di un codice di leggi, grazie alle quali poterono contrastare gli attacchi della vicina Poseidonia (Paestum).

L'area archeologica di Velia, dichiarata Patrimonio dell'Umanità, si estende su un promontorio che un tempo era a mare e vi si accede dalla Marina di Ascea.  Il luogo quindi, oltre alla bellezza e all'interesse dei resti, offre viste incantevoli e una piacevole passeggiata in collina. Gli scavi, iniziati negli anni Venti del Novecento dall'archeologo Amedeo Maiuri, proseguirono con un'intensa campagna negli anni Sessanta che ha riportato alla luce gran parte dell'antica città, facendone ricostruire la struttura urbanistica, articolata in tre nuclei: il quartiere meridionale (centro politico), il quartiere settentrionale (in funzione del porto fluviale) e l'acropoli (il più antico abitato di Elea).
La Porta Rosa (dal nome della moglie dello scopritore, l'archeologo Mario Napoli) - una grande parete frontale aperta in basso al centro da una porta ad arco - è il più grandioso monumento civile greco posseduto in Magna Grecia. Fungeva sia da collegamento dei due quartieri della città che da viadotto che univa le due parti del colle e comprende l'unico arco greco di età classica che ci sia pervenuto in perfetto stato di conservazione.

Ogni settimana l'Eleaclub organizza una visita guidata gratuita agli Scavi di Velia per gli ospiti del villaggio.
Gli scavi sono raggiungibili a piedi (o in bici) perché distano soli 800 mt.

Visita il sito della Soprintendenza.